Paolo Monella Risorse digitali per la ricerca classicistica

6. Scrivere in greco antico

6.1 Fonts consigliati

Per digitare/visualizzare il greco antico (o "politonico") al computer, è consigliabile usare fonts (cioè tipi di carattere) che rispettino lo standard Unicode.

Un'ottima guida (in inglese) all'uso di Unicode per il greco politonico è la pagina dedicata a Unicode del sito "New Testament Resources", a cura del Prof. J. D. Decker.

A seconda del sistema operativo e del programma per videoscrittura usati, per la digitazione del greco politonico è è consigliabile ai fini di una migliore visualizzazione (ma non necessario, in quanto il greco scritto con Unicode si visualizzerà sempre) usare i seguenti fonts:

6.2 "Keyboards"

... ovvero programmi o sistemi che facilitano la digitazione da tastiera del greco politonico con fonts Unicode.

Sistema operativo Metodo Guide e note
Windows Configurare il layout di tastiera Greco Politonico Guida alla configurazione. Una volta configurato il layout greco, per passare dall'italiano al greco e viceversa cliccare sulla scritta IT o EL a destra nella barra azzurra nella parte inferiore dello schermo. Tabella con le combinazioni di tasti da digitare per ottenere i diacritici.
Windows MultiKey Si tratta di un metodo alternativo al precedente, che prevede l'installazione di un programmino/add-on, MultiKey. In generale, in realtà, consiglio il metodo precedente perché è di più semplice configurazione. Vd. l'utilissima guida a MultiKey in italiano, che include, a pag. 7, le combinazioni da tastiera. Io ho preparato una guida più breve, che riguarda solo l'installazione.
Mac OS X Configurare il layout di tastiera Greco Politonico Guida alla configurazione. Una volta configurato il layout greco, per passare dall'italiano al greco e viceversa cliccare sulla bandiera italiana/greca con tempietto all'angolo superiore destro dello schermo. Mia tabella con le combinazioni di tasti da digitare per ottenere i diacritici.
Linux Configurare il layout di tastiera Greco Politonico Come indicato in questa guida o in quest'altra (più completa, con indicazioni anche su OpenOffice.org). Mia tabella con le combinazioni di tasti da digitare per ottenere i diacritici. (testata su Xubuntu e Lubuntu). Per chi legge l'inglese, questa pagina ha una guida molto completa.

6.3 Inserire caratteri greci particolari (Unicode)

Alcuni caratteri o segni diacritici sono comunque difficili da inserire anche in Unicode. Tra di essi, il punto sottoscritto, che indica una lettera incerta in epigrafia e papirologia (amaṭ). Il problema mi è stato posto più volte: ho pubblicato in questa pagina soluzioni specifiche per Windows, Macintosh e Linux. La soluzione indicata in tale pagina permette di inserire in realtà qualunque carattere Unicode (dunque anche qualunque carattere 'particolare' greco politonico, inclusi digamma, stigma etc.), purché se ne conosca il codice Unicode (detto "code point").

6.4 Copiare testo (in Unicode) dai corpora testuali

Se ci serve testo in Unicode di citazioni da opere antiche, si può attingere direttamente al CD-rom del TLG tramite il programma Diogenes (che normalmente è configurato per mostrare i risultati in Unicode). Vd. il paragrafo 7.1 di questa guida al riguardo.

6.5 Convertire da una codifica all'altra

Che fare se devo convertire testo in greco antico da una codifica all'altra (ad es. da SuperGreek a Unicode o - incredibile, ma succede! - viceversa)?

Esiste qualche programmino che converte testo greco antico da una codifica all'altra. Non da tutte a tutte, però, e il risultato è comunque da ricontrollare lettera per lettera.

  1. Convertire da SuperGreek (e simili) a Unicode: basta usare uno qualunque dei programmi elencati qui di seguito.
  2. Convertire da Unicode a SuperGreek (e simili): ciò è male. Se qualche editore richiede di tornare indietro dalla codifica standard Unicode a codifiche non-standard (come SuperGreek o Graeca II), consiglio di fargli presente che il nostro greco va già bene, essendo nella codifica considerata oggi standard: si aggiorni lui a Unicode, o, se vuole una codifica non-standard, lo converta lui. Ad ogni modo, mi pare che alcuni tra i programmi riportati qui sotto permettano di effettuare anche la conversione da Unicode alle codifiche del tipo SuperGreek

Una lista di convertitori (in inglese) si trova nel Wiki di Digital Classicist. Riporto qui una mia lista (aggiornata al 09.04.2014):

Programma Super- Greek etc. → Unicode Unicode →Super- Greek etc.
The Transcoder, di Hugh Cayless (gruppo di lavoro EpiDoc). È un piccolo programma indipendente in Java utilizzabile con tutti i sistemi operativi, purché si abbiano i prerequisiti software necessari per i programmi Java. Una volta installato, basta scegliere dal secondo menu in alto (Encodingsla codifica di ingresso e quella d'uscita, e incollare il testo da convertire nel riquadro bianco. Si può anche scegliere nel menu File/Set Source File un intero file da trascodificare: si sceglie poi con File/Set Result File il file in cui salvare i risultati, e il tipo di trasformazione desiderata dal menu Encodings. Ho creato una guida dettagliata ed illustrata a TransCoder (in italiano ed inglese), che è il programma che uso io stesso alla bisogna.
Theuth, di Daniele Fusi. Si può installare come integrazione a Microsoft Word.
GreekTranscoder for Microsoft Word, di David-Artur Daix, un'integrazione a Microsoft Word, con licenza d'uso libera (Open Source).
Greek Font to Unicode Converter, di Sean Redmond, utilizzabile direttamente online. No
GreekKeysConverter, di Lucius Hartmann. Come programma autonomo funziona solo su Mac. Gli utenti registrati possono usare anche la versione online. Questo programma è in grado di rielaborare un itero file di testo (in formato RTF), ma non è gratuito, bensì shareware.
Altri strumenti, per lo più disegnati per convertire testo dalla condifica Beta code in Unicode sono nella pagina Tools del Wiki di Digital Classicist.